Il processo di educazione speciale può sembrare un labirinto confuso di burocrazia burocratica per un genitore nuovo. Eliminate la confusione dal processo imparando a conoscere il processo di educazione speciale in soli sei passi!

Un bambino ha un problema di apprendimento

Il primo passo nel processo di educazione speciale è determinare che il vostro bambino ha un problema di apprendimento e ha bisogno di aiuto. In questa fase potrebbe non essere chiaro se il bambino ha davvero bisogno di un’istruzione speciale, ma ci sono problemi di apprendimento persistenti che hanno bisogno di sostegno. Di solito le scuole cercheranno di fornire un aiuto accademico prima di continuare il processo di formazione speciale. In molti casi, questo risolve il problema e non sono necessari ulteriori interventi. Tuttavia, per i bambini che continuano ad avere difficoltà, le scuole passeranno alla seconda fase.

Prestare attenzione a questi segni di difficoltà di apprendimento

Trasferimento per la valutazione

Un genitore o gli insegnanti del bambino possono ritenere necessario valutare il bambino per determinare quanto siano gravi i suoi problemi di apprendimento e se vi sia o meno una disabilità. La decisione di valutare viene presa durante una speciale riunione scolastica in cui i genitori vengono informati dei loro diritti e invitati a firmare un consenso formale alla valutazione.

Tutte le riunioni speciali della scuola devono essere tenute in un momento e in un luogo concordati tra i genitori e i membri del comitato. I genitori devono essere informati in tempo per consentire loro di partecipare. I genitori devono essere informati su chi parteciperà ad ogni riunione speciale della scuola e sullo scopo della riunione.

Conoscere i propri diritti

I genitori hanno sempre il diritto di portare una persona di supporto ad una riunione o un avvocato che li rappresenti.

Se la commissione è d’accordo e i genitori danno il loro consenso, il bambino viene valutato in una procedura che comprende diversi tipi di test. La scuola ha sessanta giorni di tempo per completare la valutazione e il collocamento a scuola speciale se il bambino si qualifica. Se i genitori non sono d’accordo con i risultati della valutazione, possono richiedere una valutazione pedagogica completa e indipendente a spese della scuola.

L’ammissibilità è determinata

Il team di educazione speciale del bambino, incluso il genitore, convocherà un incontro per esaminare i risultati della valutazione e determinare se il bambino soddisfa le linee guida statali per la diagnosi della disabilità. Se i genitori non sono d’accordo con la decisione del comitato, possono chiedere l’arbitrato, presentare un reclamo formale o richiedere un’udienza secondo la legge.

Quando un bambino è idoneo

Se il bambino soddisfa i criteri di idoneità e il Comitato concorda sul fatto che il bambino è disabile, la scuola deve sviluppare un programma di istruzione individualizzato (IEP). Il PEI deve essere sviluppato entro il periodo iniziale di 60 giorni e non più di 30 giorni dopo che è stata stabilita l’idoneità del bambino a ricevere un’istruzione speciale.

Si tiene una riunione del PIE

Il comitato, compreso il genitore, si riunisce per sviluppare il PEI. Le scuole possono sviluppare una bozza di IEP e portarla alla riunione, ma l’IEP non è completo finché non si tiene la riunione e i membri del comitato non hanno contribuito al documento.

Il comitato conclude il PEI e decide il collocamento

Una volta raggiunto un accordo sul contenuto del PEI, il comitato determina la sistemazione più adeguata per il bambino. L’alloggio può variare da un programma completamente inclusivo in un’aula normale a servizi temporanei in un programma educativo speciale. In rari casi, gli studenti possono essere collocati in scuole o ospedali speciali. I genitori sono invitati a firmare la dichiarazione di consenso per i servizi concordati.

Do you like Kianao's articles? Follow on social!