Come neo-genitori, vi trovate di fronte a un afflusso di decisioni che dovete prendere sulla salute e sul benessere del vostro bambino – e queste decisioni iniziano nel momento in cui vedete un segno positivo sul test di gravidanza a casa.

Sceglierà un ginecologo o un’ostetrica? Un parto tradizionale in ospedale o un parto in casa? Nascita epidurale o naturale? Perché nessuno vi ha detto che ci sarebbero state così tante domande?

È un’introduzione difficile al mondo della genitorialità, e da quel momento in poi le decisioni diventano solo più intense. Con il progredire della gravidanza, sempre più decisioni vengono prese, che si tratti di scoprire il sesso del vostro bambino (o meno), di progettare un asilo nido o di creare un registro di bavaglini, pannolini, ciucci e biberon raccolti a mano.

Quando il vostro bambino arriverà, sarete già stanchi del flusso infinito di decisioni che dovrete prendere. E ora c’è di più: non solo dovete affrontare ogni giorno nuove e più complesse decisioni ogni volta che il vostro bambino cresce (l’allattamento al seno, la cura del bambino e l’addestramento al sonno, oh cielo! C’è una piccolissima persona che dipende da voi per essere al sicuro e felice! Non dovete fare casini.

Prendere una decisione dopo l’altra è una parte inevitabile della genitorialità, ma questo non significa che devi lasciarti logorare. Ci sono diversi modi per a) limitare il numero di decisioni da prendere e b) prendere tali decisioni in modo più rapido e sicuro.

Se sei un neo genitore che ha paura di scegliere un seggiolino per auto (o pediatra, o capezzolo per biberon, o marsupio), o che ha paura che gli esploda la testa se deve guardare un‘altra recensione di un prodotto di consumo, non preoccuparti – siamo qui per aiutarti. Ci sono diversi trucchi per mantenere un processo decisionale (relativamente!) privo di stress per tutta la vita di vostro figlio. Ecco come funziona.

Identificate il vostro stile di genitorialità

Sei un genitore a ruota libera? Liberale o autoritario? Mamma elicottero, tosaerba o tigre? Indipendentemente dal tipo di filosofia genitoriale a cui si sottoscrive, ci sono abbastanza risorse per affrontare le questioni genitoriali più difficili sulla base dell’ideologia genitoriale scelta.

Ad esempio, se sei un genitore affettuoso, la decisione di allattare al seno e di dormire insieme è un gioco da ragazzi; se sei più una madre tigre, iscriverai il tuo bambino a lezioni di violino non appena sarà abbastanza grande da poter fare l’inchino. (Queste sono ovviamente generalizzazioni… ogni genitore farà le cose un po’ diversamente).

Scoprite che tipo di stile genitoriale vi attira – questo potrebbe rendere più facili molte delle decisioni che prendete, in quanto le risposte saranno integrate nel vostro approccio generale alla genitorialità.

D’altra parte, se non ci si adatta rigorosamente a un certo stile di educazione, non si deve sudare. Concentratevi invece sulla vostra personalità e su ciò che è più importante per voi come genitori. Sei consapevole della tua salute? Sarà facile dire di sì agli alimenti per bambini fatti in casa. Sei un amante della musica? Scarica l’album “Beethoven for Babies” e riproducilo in un unico replay.

4 tipi di stili educativi e i loro effetti sui bambini

Scegliete tra una gamma di fonti affidabili

Se si dispone di una connessione a Internet, si ha accesso letteralmente a migliaia di fonti di informazione. Peggio ancora, chiunque altro abbia una connessione a Internet può fingere di essere un “esperto” di un argomento scelto e di un blog sulla propria opinione come se fosse un dato di fatto.

Ciò significa che cercare di far corrispondere tutte le vostre decisioni con ogni singola possibile fonte di informazione vi porterà solo attraverso un labirinto di confusione, frustrazione e contraddizioni.

Per limitare il tempo da dedicare alla ricerca delle migliori raccomandazioni sui prodotti o dei consigli medici più affidabili, scegliete un piccolo numero di fonti affidabili (tre o quattro) a cui fare riferimento ogni volta che non siete sicuri di come procedere con una decisione.

Questi possono essere siti web di agenzie di fiducia (come l’American Academy of Pediatrics), libri scritti da famosi esperti di genitori (come il dottor Harvey Karp), o un amico intimo che lavora come educatore o infermiere pediatrico.

Una volta trovate queste fonti per il vostro input, smettete di cercare. Se si limitano le informazioni che si ricevono, prendere una decisione finale sarà molto meno stressante – e qualsiasi cosa scegliate, saprete che le vostre informazioni provengono da una fonte di cui vi fidate.

Imparare a stabilire le priorità

Una delle lezioni più difficili da imparare come nuovo genitore è che non tutti i colli di bottiglia devono essere trasformati in montagne. Certo, alcune decisioni come genitore sono piuttosto grandi, come se tornare a lavorare a tempo pieno o rimanere a casa con il proprio bambino. Ma altri, come ad esempio quale capezzolo mettere sul biberon, sono piuttosto piccoli.

Quando si è stanchi e stressati e si lavora sodo per adattarsi al nuovo coraggioso mondo della genitorialità, è facile confondere le grandi e le piccole decisioni. Nella mente di una nuova mamma o di un nuovo papà, ogni decisione sembra grande. Fortunatamente, però, questa non è la verità.

Imparate a triangolare le vostre decisioni investendo il tempo e le energie appropriate in ciascuna di esse. Per esempio, pensate a lungo e intensamente se volete lavorare fuori sede, ma confrontate qualche capezzolo di bottiglia nel corridoio della vostra destinazione locale, prendetene uno dallo scaffale e andate avanti.

Nascondere il rumore

Quindi avete preso una grande decisione e avete un buon feeling! Credete che andrà tutto bene per vostro figlio. Ma ora stai scorrendo i post del gruppo dei tuoi genitori preferiti su Facebook, e il consenso generale è che la decisione che hai appena preso è terribile. Come “lascerai a tuo figlio una cicatrice per tutta la vita”, un po’ orribile. E adesso che si fa?

Prima di tornare al tavolo da disegno – mentre mettete in discussione ogni altra decisione che avete preso per vostro figlio perché il vostro giudizio ovviamente fa schifo – fate un respiro profondo e ponetevi una domanda: la decisione che avete preso è quella giusta per la vostra famiglia?

Non è una novità che ogni singola famiglia del pianeta sia diversa. Non c’è una taglia unica che si adatti a tutti i genitori, ma molte persone cercheranno comunque di dirvi che c’è un solo modo giusto per crescere un bambino (attenzione allo spoiler: di solito è il loro modo giusto). Ma non devi ascoltare queste persone. Trova la tua tribù, le persone che ti conoscono bene e la tua famiglia, e pensa al loro contributo di tanto in tanto. Ignora tutti gli altri.

Datti un po’ di tregua

Nel caso nessuno te l’abbia detto: è difficile essere un nuovo genitore, e non riuscirai a renderlo perfetto al 100%. Perderete il sonno per questioni poco importanti. Prenderete una decisione che si rivelerà essere quella sbagliata. Dimenticherete che l’unica cosa che conta davvero nella genitorialità è l’amore per il vostro bambino (e non il tipo di coperta che comprate).

Invece di cercare costantemente di fare tutto per bene, dovreste concentrarvi su ciò che è più importante per voi – e spendere le vostre preziose energie per essere il miglior genitore possibile: Un genitore imperfetto che ama il proprio figlio fino alla luna e ritorno.

Come reagisci quando le persone criticano la tua paternità?

Do you like Kianao's articles? Follow on social!