Il pensiero magico nei bambini o negli adulti si riferisce a un processo psicologico in cui un’azione o un evento è legato a un’altra azione o evento completamente estranei. Gli psicologi a volte combinano il folklore e la superstizione con il pensiero magico perché queste tradizioni suggeriscono che le azioni delle persone portano a determinati risultati, anche se questo risultato non è in alcun modo influenzato dal primo evento. Il detto “Calpesta una crepa, rompi la schiena a tua madre” è un esempio lampante di questo tipo di pensiero.

Il pensiero magico è un normale stadio di sviluppo

Mentre il pensiero magico è ampiamente considerato normale nei bambini. Negli adulti, il pensiero magico è talvolta associato all’OCD. 

I bambini cominciano a praticare il pensiero magico fin dall’infanzia. Questo tipo di pensiero può portare alcuni bambini a credere che una certa azione che compiono influenzi il mondo che li circonda. Per esempio, un bambino potrebbe pensare che il cibo sia buono solo se mangiato con un cucchiaio rosa, o che aggrapparsi al soffitto tenga lontani i mostri all’ora di andare a letto.

Il pensiero magico può migliorare questa percezione. Per esempio, il vostro bambino potrebbe pensare che girando in cerchio il suo programma televisivo preferito venga trasmesso perché il bambino ha già girato in cerchio prima della trasmissione.

Svantaggi

Il pensiero magico può anche indurre i bambini piccoli a evitare certe situazioni o a resistere a nuove routine. Ad esempio, se la vostra bambina, altrimenti addestrata alla toilette, si rifiuta di usare il vasino all’asilo, potreste cercare indizi sul fatto che abbia associato il vasino a scuola con qualcosa di spiacevole, anche se non c’è un collegamento razionale tra i due.

Può essere molto difficile scomporre queste associazioni nella mente di un bambino perché non è in grado di pensare razionalmente alla situazione. Si può quindi semplicemente aspettare fino a quando il bambino non dimentica la “regola” che ha immaginato tra i due, o fino a quando non si può cercare un compromesso.

I compromessi dovrebbero fornire una variabile che non deve adattarsi alla regola magica che il bambino ha creato nella sua testa, come portare il vasino da casa per usarlo nell’asilo.

Affrontare il pensiero

Se il vostro bambino in età prescolare pensa magicamente, questo non dovrebbe essere motivo di grande preoccupazione. Pensatelo come un normale stadio di sviluppo infantile. Quando i modelli di pensiero del bambino cominciano a sconvolgere la routine – pasti, orari di scuola, ora di andare a letto – è necessario pensare a modi per contrastare questo pensiero. 

Ad esempio, si può mostrare al bambino che pensa che girando in cerchio il suo programma televisivo preferito venga trasmesso, che il programma viene trasmesso sempre il sabato a mezzogiorno. Si possono anche fare dei compromessi che permettono al bambino di eseguire le routine quotidiane nonostante il suo pensiero magico.

Do you like Kianao's articles? Follow on social!